Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione dovuti Google Analitycs. Chiudendo acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

ScordiaMilitelloVizzini

Erasmus plus
VIAJERO VIRTUAL JOB Orientation
How it is to live, study and work in a foreign EU country Tachnology in Education

Erasmus +

Un nodo blu

Bullismo

Attività - Eventi

IL SÌ DEL MAJORANA AD UN’ALIMENTAZIONE SANA
Nuovo incontro dei militari americani di Sigonella con gli studenti dell’Istituto ‘Majorana’ di Scordia del 15/02/2017

IL SÌ DEL MAJORANA AD UN’ALIMENTAZIONE SANA

Continua la collaborazione fra l’Istituto Ettore Majorana di Scordia, impegnato in progetti di Educazione alla Salute fortemente voluti dal Dirigente Scolastico, Prof.ssa Ornella Sipala, da una parte, e la base della Marina USA di Sigonella, dall’altra, di cui il dott. Alberto Lunetta, Responsabile Relazioni Esterne e progetti di volontariato, è promotore instancabile. Dopo il NO deciso alla droga del 18 novembre, ecco un SÌ convinto ad un’alimentazione sana ed equilibrata. È con lo slogan: “ Eat right, stay active and live longer “(mangia correttamente, resta attivo e vivi più a lungo) che si è aperto questo meeting fra una rappresentante della US Navy e una folta delegazione di studenti di quarto anno dell’Istituto Majorana di Scordia. È stato il tenente di vascello, Melissa Amescua, direttrice del reparto Promozione della Salute dell’Ospedale Navale della Base USA di Sigonella (NAVHOSP) ad intervenire quale relatrice, accompagnata dal Dott.Giuseppe Licari, Health Promotion Assistant e Wellness Coach della base militare statunitense.
Dopo i saluti del dirigente scolastico, Prof.ssa Sipala, e una breve introduzione del Dott. Lunetta sull’attività di ‘buon vicinato’ dei militari americani, questa lezione-conferenza in lingua inglese sul tema Principi di una sana alimentazione e del suo ruolo nella prevenzione delle malattie si è aperta con una domanda cui si è cercato di rispondere nel corso dell’incontro: What is Nutrition?

Partendo dalle abitudini alimentari di cinque studenti che si sono gentilmente prestati ad un piccolo gioco: Take a step forward or backward if you eat this or that food every day (fai un passo avanti -o indietro- se mangi questo o quell’alimento ogni giorno), la relatrice ha passato in rassegna tutta una serie di alimenti, o meglio, di componenti alimentari (zuccheri, proteine, carboidrati, grassi, saturi o insaturi, idrogenati o meno, conservanti, etc.) per spiegare gli effetti a breve e lungo termine di un’alimentazione scorretta fornendo informazioni, chiarendo dubbi, proponendo suggerimenti per uno stile di vita sano. Non solo mangiare bene, dunque, ma anche fare attività fisica o sport per preservare l’organismo da numerose malattie. Disease Prevention (prevenzione delle malattie), non a caso, è stato un importante capitolo affrontato con l’obiettivo di educare i giovani alla prevenzione, fra gli altri, di diabete, ipertensione, obesità, cardiopatie, cancro.

IL SÌ DEL MAJORANA AD UN’ALIMENTAZIONE SANA

Sulla base delle indicazioni contenute nelle Linee Guida per una corretta alimentazione, si è giunti, quindi, ad identificare “il mio piatto”, My Plate, uno strumento educativo di più immediata interpretazione della tradizionale piramide alimentare. Si tratta di un piatto suddiviso in quattro spicchi, corrispondenti ai quattro componenti alimentari principali (frutta, verdura, cereali, proteine), che rappresenta un pasto equilibrato e salutare, una sorta di perfetto bilanciamento fra tutti i nutrienti di cui ha bisogno il nostro organismo per funzionare bene e mantenersi in forma, con frutta e verdura in cima alla lista degli alimenti che mai dovrebbero mancare sulla nostra tavola. In questo panorama, non poteva non avere un ruolo di primo piano la Dieta Mediterranea che si conferma essere un valido modello nutrizionale per varietà e completezza.

Dopo i distributori automatici con cibo sano anziché merendine ad alto contenuto calorico e scarso valore nutritivo (junk food), gli studenti del Majorana hanno letteralmente ‘toccato con mano’ una realtà certamente ben nota ma anche per lo più ignorata. A giudicare dalle domande che sono emerse al termine della seduta, che si sono protratte ben oltre la conclusione dei lavori, il tema ha attirato l’attenzione e riscosso grande interesse: i ragazzi hanno appreso e compreso la ricetta per preservare nel tempo la propria salute: Eat right and stay active! Queste le parole da ricordare.

“I militari americani di Sigonella hanno fatto centro ancora una volta!”, è stato il parere unanime dei convenuti che, al termine dell’incontro, hanno voluto mostrare un segno di ospitalità e gratitudine nei confronti degli ospiti intervenuti offrendo una varietà di cibi non solo sani, ma anche rigorosamente italiani e fatti in casa.

Stefania Santoro

PON 2014-2020

Cambridge

Esami debiti formativi

Majorana Lab

Questionario bisogni formativi

Albo Pretorio

Materiale didattico di Filosofia
La nostra scuola partecipa agli scambi culturali all'estero.erasmus plusElosEuroschoolenglishmajorana-blogspot-com

Visita la nostra scuola

Il quotidiano in classe

Area Riservata

Accedi all'area riservata.

Benvenuto

Utenti online

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online