Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione dovuti Google Analitycs. Chiudendo acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

ScordiaMilitelloVizzini

Bullismo

Attività - Eventi

MALALA

Giorno 13 dicembre 2016, 70 studenti delle classi seconde, terze e quarte dei diversi indirizzi del nostro Istituto si sono recati a Catania, accompagnati da cinque docenti (Prof.sse M. Basile, E. Biondi, L. Cappellano, S. Cirnigliaro e N. Randone), per assistere alla rappresentazione, presso il teatro Ambasciatori, dello spettacolo MALALA, unico spettacolo in lingua italiana all’interno di un programma di rappresentazioni in lingua inglese, realizzato, per la stagione 2016-2017, dalla compagnia Erasmus theatre. Lo spettacolo, liberamente ispirato alla storia di Malala Yousafzai, la giovane attivista pakistana, vincitrice del premio Nobel per la pace nel 2014 e nota al mondo per la sua strenua battaglia in difesa dei diritti all’istruzione e alla libertà delle donne nel mondo musulmano, è stato concepito come un racconto della vita quotidiana della protagonista, dei suoi affetti più cari (i genitori e l’amica Laila), dei suoi sogni e aspirazioni in un ambiente povero e fatto di cose semplici in cui improvvisamente irrompe l’atrocità della guerra e della violenza imposta da un regime talebano sempre più oppressivo e repressivo. Il personaggio della giovane attivista pakistana è stato interpretato da un’attrice di tredici anni, la stessa età che aveva Malala al tempo dei fatti narrati: insieme a lei, in scena, quattro attori, due uomini e due donne, hanno interpretato, di volta in volta, le principali figure che hanno abitato il mondo e i pensieri di Malala, in una sorta di gioco di travestimenti e scambi di ruolo. Tale performance, arricchita da musiche, che richiamavano alla mente gli usi e i costumi pakistani, e da momenti di canto e danza, attraverso cui si esprimevano le emozioni e gli stati d’animo di Malala, ha tenuto avvinti per un’ora gli studenti, che alla fine dello spettacolo hanno manifestato entusiasmo e apprezzamenti per l’opera a cui avevano assistito. Allo spettacolo è seguito un momento di dibattito in cui gli attori e il regista si sono offerti alle domande del pubblico: è stato un momento importante, in cui gli studenti hanno avuto la possibilità di chiedere chiarimenti sul significato di alcune scene e di alcune scelte del regista. Ciò ha consentito una comprensione più profonda di questa rappresentazione che ha invitato gli studenti a riflettere sul valore di diritti oggi acquisiti e ritenuti quasi ovvi nel mondo occidentale, sul pericolo dei fanatismi religiosi e sul valore della conoscenza, come mezzo di riscatto dall’oppressione del potere e come arma contro la violenza.

Emanuela Biondi 

PON 2014-2020

Majorana Lab

Albo Pretorio

Materiale didattico di Filosofia
La nostra scuola partecipa agli scambi culturali all'estero.erasmus plusElosEuroschoolenglishmajorana-blogspot-com

visita la nostra scuola

Il quotidiano in classe

Area Riservata

Accedi all'area riservata.

Benvenuto

Utenti online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online